informativa cookies

Utilizziamo i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione e per aiutarci migliorare il nostro sito. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookies in caso contrario è possibile abbandonare il sito. Per maggiori informazioni sulla tipologia di cookies utilizzati da "FinalmenteNatale", vi invitiamo a cliccare sul pulsante "Approfondisci".

Categoria: MITI E STORIE DEL NATALE
Visite: 6191
Stampa

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 
vischio

 

L'vischio.jpgusanza di regalare vischio (dono degli dei agli uomini) è di origine nordica e ha 'lo scopo' di scacciare demoni e malefici. Viene appeso agli usci delle case con questo auspicio attribuendogli, perciò caratteristica di talismano. Per una coppia, il gesto di baciarsi sotto il vischio sta a significare che le loro nozze verranno con molta probabilità celebrate entro l' anno. 

L'origine di questa pianta viene così raccontata secondo una antica leggenda:

In un paesino di montagna viveva un vecchio solitario e avido. Non faceva altro e non si interessava ad altro che ai suoi beni e al suo danaro. Le sue ricchezze erano l'unico suo interesse. Non viveva sentimenti d'amore nè di compassione. La sua avidità era tale da farlo svegliare in piena notte per precipitarsi a contare le sue monete, senza riuscire più ad addormentarsi. In una di queste notti insonni decise di uscire a fare una passeggiata. 

Era quasi Natale e da lontano cominciò a sentire voci e risa di bimbi. Per tutta la notte ascoltò quelle voci che raccontavano storie allegre e storie tristi di vita quotidiana di gente comune, dalla quale aveva deciso di distaccarsi. 

Scoprì così la vita che dietro ad ogni persona si nasconde e cadde in un pianto ininterrotto. Pianse, pianse tanto! Quelle lacrime rimasero legate ai rami del cespuglio a cui si era appoggiato. Ora risplendevano come piccole sfere di cristallo'. Nacque così il vischio.

Condividi la magia del Natale:

Submit to DeliciousSubmit to DiggSubmit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to StumbleuponSubmit to TechnoratiSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Articoli correlati: